C’è musica e musica

by

 

nga Umberto Eco (Espresso, 26/06/2009)

 

Ci perseguita negli aeroporti, nei bar e nei ristoranti, negli ascensori, in un orribile stile New Age negli studi medici, nei suoni dei telefonini che sui treni a ogni istante suonano.

Si cita sovente come esempio di scarsa sensibilità musicale l’opinione di Kant che considerava la musica inferiore ad arti come la pittura perché, se il valore di un’arte sta nel nutrimento intellettuale che ci procura, la musica, che gioca semplicemente con sensazioni, ha il posto più basso tra le belle arti. “Essa infatti va da sensazioni a idee indeterminate, mentre le arti figurative vanno da idee determinate a sensazioni e queste ultime sensazioni sono di impressione persistente, mentre quelle dovute alla musica sono solo di impressione transitoria”.
E passi per queste idee abbastanza discutibili. Ma egli aggiungeva: “Inoltre è inerente alla musica una certa mancanza di urbanità, il fatto che essa diffonda il suo influsso, principalmente per come sono fatti i suoi strumenti, più lontano di quanto si vorrebbe (sul vicinato) e in tal modo, per così dire, imponga se stessa, compromettendo quindi la libertà degli altri, che sono al di fuori dei partecipanti alla riunione musicale; ciò che le arti che parlano agli occhi non fanno, basta che si volgano i propri occhi altrove se non ci si vuole esporre alla loro impressione. Le cose stanno più o meno così con la delizia provocata da un odore che si diffonde in giro. Chi tira fuori dalla tasca il proprio fazzoletto profumato sottopone tutti coloro che gli stanno intorno e vicino a un trattamento contrario alla loro volontà e, se essi vogliono respirare, li obbliga nello stesso tempo a godere, e perciò quest’uso è passato di moda”. (‘Critica del giudizio’ 53)
Svalutare esteticamente la musica perché disturba i vicini è come negare il valore della ‘Aida’ se viene suonata nell’Arena di Verona imponendosi all’ascolto involontario di chi abita nei dintorni. E però, Verdi a parte, io che abito in una zona di Milano dove a ogni pubblica festività si organizzano dei concerti rock che durano sino a tarda notte, comincio a pensare che Kant non avesse del tutto torto.

Capita di leggere qualche tempo dopo le pubblicazioni che ci arrivano, perché non si può leggere tutto subito (e d’altra parte ho letto l’Iliade quasi tremila anni dopo), ed ecco che sono capitato con alcuni mesi di ritardo sul numero 43 di ‘Nuovi argomenti’, che si apre con una sorta di diario di Valerio Magrelli. A un certo punto Magrelli cita con favore il brano kantiano perché, premette, c’è una musica che si sceglie e una che ci viene imposta dagli altri. “Si tratta di due fenomeni antitetici. Il primo rappresenta uno dei più squisiti alimenti concessi alla specie umana, mentre il secondo è un semplice reato. Uno è un dono prescelto, l’altro una punizione subita”. E all’inizio del suo diario Magrelli annota che ci sono “due materiali il cui abuso sta rovinando l’ecologia del pianeta: plastica e musica”.
Quanto alla plastica non abbiamo bisogno di esempi, e rispetto alla musica ha un ulteriore difetto, perché i suoni, come si sa, ‘volant’ e si disperdono nell’aria, mentre la plastica ‘manet’, nei secoli dei secoli. Per la musica basta pensare quanto ci perseguita negli aeroporti, nei bar e nei ristoranti, negli ascensori, in un orribile stile New Age nello studio del fisioterapista, nei suoni dei telefonini che sui treni a ogni istante suonano ‘Per Elisa’ o la cinquecentocinquanta di Mozart, come basso continuo in qualsiasi evento televisivo – e peggio ancora ci spaventa quando, senza sentirla, la indoviniamo nelle orecchie ossessionate e stordite dei dissennati che ci passano accanto con un auricolare infilato nel timpano, incapaci di camminare, pensare, respirare, senza avere un frastuono come angelo custode.
Una volta si decideva di ascoltare musica e si accendeva la radio (operazione che richiedeva impegno manuale) o si sceglieva un disco (operazione che richiedeva anche una riflessione intellettuale e una scelta di gusto) oppure ci si vestiva per bene e si andava a un concerto, dove si esercitava la propria capacità di discriminazione tra buona e modesta esecuzione, o si poteva decidere di amare Bach e odiare Scriabin. Ora folle di giovinette dall’ombelico scoperto e di giovinotti dai capelli ritti rubano musica sul computer per scambiarsela e udirla tutto il giorno, e al concerto e in discoteca vanno non per gustare ma per stordirsi e, dimenticate le sottigliezze del pedale, più che musica assorbono rumore. Ma in treno l’auricolare ce l’hanno anche molti adulti abbrutiti, incapaci di leggere il giornale o di guardare il paesaggio.
Se su ogni cartello pubblicitario fosse ripetuta la Gioconda, la Gioconda diventerebbe brutta e ossessiva. Ma (e allora aveva ragione Kant) il nostro intelletto se ne accorgerebbe e protesteremmo. Con la musica invece no, ormai ci si vive come in un bagno amniotico. Come recuperare il dono della sordità?

Tags: ,

4 Responses to “C’è musica e musica”

  1. xUNDER Says:

    “kritiket e muzikes jane njerez qe nuk dine te shkruajne, te cilet intervistojne persona qe nuk dine te flasin, per nje publik, i cili nuk di te lexoje” (mr. frank zappa)

  2. dori Says:

    …dhe Kanti e kishte kaq gabim
    Muzika nuk i imponohet askujt …,jane njerezit qe i imponojne cdo gje vetes , qe sdine si veprojne me atë…ska ndodhur qe njeriu te mos kete kryer veprimin dhe papritur muzika eshte bere zoteruese … kjo duket sikur njerezit kritikojne veteveten …dhe muzika ska asnje faj per kete
    Piktuara apo te gjithe format e artit , lexohen e me pas kuptohen ashtu si ndodh dhe me muziken …vetem ne qofte me e fuqishme !

  3. xUNDER Says:

    me muziken abuzohet. kjo eshte e verteta, miq!
    padyshim qe nje artist, nese degjohet e pompohet (fjale per fjale ky term!) nga mtv e te tjera media mainstream, do te behet i njohur e i “pelqyeshem medoemos” nga shumica, po NUK (perseris ‘NUK’) do te thote aspak qe ia vlen apo qe e ka ndryshuar boten te cilen jetojme dhe mendojme (te pakten me ate album apo gjurme!). Kant ka mjaft te drejte kur pohon se me te tjera forma arti neve protestojme (ngacmim i intelektit!) dhe i veme re abuzimet, ndersa me muziken kjo nuk ndodh! asgje nuk do te kishte qene ndryshe po te mos kishin ekzistuar shume grupe demode|bajate qe i degjojme ne cfaredolloj radioje apo ne cfaredolloj programi qe perdorim per te shkarkuar…
    vlerat e muzikanteve jane po aq te cmueshme sa ato te cfaredolloj artisti tjeter (piktori, psh!), vetem se shumica prej nesh NUK degjojne muzike, po vetem ate cfare i jepet te degjojne, miq te dashur e te padjallezuar!!!

  4. Darien Says:

    e, e njoh shprehjen e Zappes xUNDER, po s’ka dakord. Zappa si ektremist provokues qe ishte tepron ne gjithçka, po kesaj here s’besoj se duhet argumentuar me larg per te thene qe gabonte ( marrim p.sh vetem lester bangs e me thuaj si e mendon )

    Besoj Dori qe, ashtu si e shpjegon mire Eco, muzika imponohet sepse perhapet si tingull. Une di te pakten 4-5 kenge te B.Spears edhe pse se kam degjuar kurre bje fjala. Kjo eshte ajo qe thote edhe xUNDER ne komentin e mesiperm, dhe problemi qe ngre Eco.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: